Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > FAQ

FAQ


IL CITTADINO

IL CITTADINO

Avrei piacere di sapere se esistono disposizioni, indicazioni o prassi, circa le modalita' di svolgimento di un ATP ed in particolare se il CTU nominato deve, anteriormente al deposito della sua relazione, trasmettere le proprie considerazioni (anche in bozza) ai CTP, affinch? si possa svolgere un fattivo "contraddittorio" tra le parti e giungere conseguentemente ad una conciliazione o, comunque ad una relazione finale contenente anche le osservazioni delle Parti. Mi e' gradita l'occasione per porgere distinti saluti.

Risposta

In qualsiasi procedimento giudiziario deve essere assicurato il contraddittorio tra le parti. Purche' cio'

avvenga, le concrete modalita' sono rimesse al CTU, se non e' diversamente stabilito dal giudice. La legge

regola l'attivita' del consulente tecnico di ufficio e le modalita'  con cui deve essere redatto il processo

verbale delle indagini e stesa la relazione scritta, nella quale devono essere inserite le osservazioni e le

istanze delle parti (artt. 194 e 195 del codice di procedura civile). Tali regole sono applicabili, in quanto

compatibili, anche alla procedura di accertamento tecnico preventivo e alla consulenza tecnica preventiva

regolate dagli artt. 696 e 696 bis del codice di procedura civile.