Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > Servizi per l'utenza > Lista completa dei Servizi ai Cittadini > Altre modalità per la Separazione e il divorzio
AREA RISERVATA



Contatti
Certificati Online
Dislocazione%20Uffici
Gestione Procedure Concorsuali
Liquidazione Spese di giustizia
Pubblici Proclami
Lavoro di Pubblica Utilità
Amministrazione di sostegno
Consulta%20fascicoli
Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana
Normattiva
Sportello%20per%20le%20vittime%20di%20violenza
Tirocini%20Formativi

Separazione e divorzio congiunto - altre modalita'

D.L. 132/2014 convertito con legge 162/2014

SEPARAZIONI, CESSAZIONI DEGLI EFFETTI CIVILI O SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO (divorzio), MODIFICA DELLE CONDIZIONI DI SEPARAZIONE O DIVORZIO INNANZI L’UFFICIALE DI STATO CIVILE  (articolo 12)

Può essere presentata innanzi all’Ufficiale di Stato Civile la domanda congiunta di:

  • separazione
  • cessazione degli effetti civili o scioglimento del matrimonio (nei soli casi di cui all’articolo 3 c. 1 numero 2) lettera b) l. 898/1970 (divorzio): dopo separazione protratta per almeno tre anni)
  • modifica delle condizioni di separazione o divorzio

nei seguenti casi:

Se non ci sono

A) figli minori

B) figli maggiorenni economicamente non autosufficienti

C) figli maggiorenni portatori di handicap grave (ex articolo 3 c. 3 l. 104/1992)

D) figli maggiorenni incapaci

 

I coniugi possono recarsi presso l’Ufficiale di Stato Civile:

A) del Comune di residenza di uno di loro

B) del Comune presso cui e’ iscritto l’atto di matrimonio

C) del Comune presso cui e’ trascritto l’atto di matrimonio

 

L’assistenza di un avvocato è facoltativa.

Gli accordi conclusi con tali modalità non possono contenere patti di trasferimento patrimoniale.

 

CONVENZIONE DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA DA AVVOCATI PER SEPARAZIONE, CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI O SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO, MODIFICA DELLE CONDIZIONI DI SEPARAZIONE O DIVORZIO (articolo 6)

Anche qualora vi siano:

A) figli minori

B) figli maggiorenni economicamente non autosufficienti

C) figli maggiorenni portatori di handicap grave (ex articolo 3 c. 3 l. 104/1992)

D) figli maggiorenni incapaci

E’ possibile stipulare una convenzione di negoziazione assistita da almeno un avvocato per ciascuno dei coniugi, per la soluzione consensuale di separazione -cessazione degli effetti civili o scioglimento del matrimonio (nei soli casi di cui all’articolo 3 c. 1 numero 2) lettera b) l. 898/1970: separazione protratta per almeno tre anni)- modifica delle condizioni di separazione o divorzio. 

La convenzione può contenere patti di trasferimento patrimoniale.

Dopo la stipula della convenzione, sono necessari:

a) se non vi sono figli minori o maggiorenni economicamente non autosufficienti, o maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave,  il nullaosta del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente, previa verifica della assenza di irregolarità;

b) se vi sono figli minori o maggiorenni economicamente non autosufficienti, maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave,  l’autorizzazione del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente, previa verifica della rispondenza dell’accordo all’interesse dei figli.