Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > Servizi per l'utenza > Contributo Unificato

Contributo Unificato

Contributo Unificato

Dal 1° marzo 2002 è cambiata la tassazione per le spese degli atti giudiziari.
È entrato in vigore, infatti, il "contributo unificato di iscrizione a ruolo" che ha sostituito tutte le altre imposte finora versate per i procedimenti penali, civili e amministrativi.
Questa nuova forma di tassazione ha semplificato la tassazione degli atti giudiziari, eliminando di fatto le imposte di bollo, la tassa di iscrizione a ruolo, i diritti di cancelleria, nonché i diritti di chiamata in causa dell'ufficiale giudiziario.

Come si paga

Il contributo unificato può essere pagato presso:

  • gli uffici postali utilizzando l'apposito bollettino di conto corrente postale;
  • le banche utilizzando il modello F23
  • le tabaccherie e i concessionari della riscossione.

In quest'ultimo caso occorre compilare il modello per la comunicazione del versamento a cui deve essere allegato l'apposito contrassegno rilasciato dai tabaccai comprovante l'avvenuto pagamento; questo, sia nei procedimenti in cui le parti devono depositare la nota di iscrizione a ruolo sia nei casi in cui le parti non devono depositare la nota di iscrizione a ruolo o altro atto equipollente. Nel modello vanno indicate le generalità del ricorrente (il soggetto che agisce in giudizio o la parte che effettua il versamento) nonché le generalità del resistente o convenuto.

AVVERTENZA
Dal 20 dicembre 2006, cambia il contrassegno acquistato in tabaccheria per il pagamento del contributo unificato delle spese di giustizia e sara' prodotto dagli stessi apparecchi che emettono i valori bollati. I nuovi contrassegni, inoltre, non avranno più il formato madre-figlia e dovranno essere applicati in originale, con le modalità già in uso, sul "modello per la comunicazione di versamento", disponibile sul sito Internet della Agenzia delle Entrate.

ART. 9 L.488/99 - IMPORTI AGGIORNATI CON IL D.L. N.28/2002 CONVERTITO CON MODIFICHE IN LEGGE N.91 DEL 10 MAGGIO 2002 - IN VIGORE DAL 12 MAGGIO 2002

Normativa di riferimento:

N.B. Oltre alla ricevuta del pagamento del Contributo Unico in Cancelleria va depositata una marca da (tab.0, rif.2) per diritti di cancelleria

AVVERTENZA
"Ove il difensore non indichi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata e il proprio numero di fax ai sensi degli articoli 125,primo comma, del codice di procedura civile e 16, comma 1-bis, del decreto legislativo 31.12.1992, n. 456, ovvero qualora la parte ometta di indicare il codice fiscale nell'atto introduttivo del giudizio o, per il processo tributario, nel ricorso, il contributo unificato è aumentato della metà."
(Art. 13, co 3-bis T.U. Spese di Giustizia, così modificato dal D.L. 98/2011)

 

SOMMARIO

MARCHE DA BOLLO

CONTRIBUTO UNIFICATO