Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > Giurisprudenza > Giurisprudenza Alte Corti > Indice Generale > Procedimento civile

Procedimento civile

Procedimento Civile

AVVERTIMENTO PROCESSUALE A FAVORE DELLA CONTROPARTE - CARATTERE ECCEZIONE E DEROGATORIO - NECESSITÀ DELLA PREVISIONE LEGALE - SUSSISTE - INTRODUZIONE DELL’AVVERTIMENTO PER VIA INTERPRETATIVA - ESCLUSIONE

Cass. Civ., Sez. Un., sentenza 18 aprile 2013, n. 9407 (Pres. Preden - rel. Amoroso)

Alla luce del canone generale della conoscenza delle regole del processo, le prescrizioni che prevedono la comunicazione di avvertimenti di natura processuale costituiscono una normativa speciale e derogatoria, che è riferita a fattispecie circoscritte. Quando il legislatore ha ritenuto di rafforzare la consapevolezza di una parte in ordine ad alcune conseguenze processuali potenzialmente per essa pregiudizievoli lo ha previsto espressamente ed ha indicato il contenuto dell'avvertimento prescritto. In altri termini, se il legislatore ritiene che occorra rafforzare la consapevolezza di una regola processuale con un "avvertimento", il contenuto di quest'ultimo, proprio per la finalità perseguita dalla prescrizione, non può che essere quello testualmente recato dalla prescrizione stessa piuttosto che quello risultante all'esito di un'attività interpretativa. Ne consegue che tali prescrizioni di "avvertimenti" hanno carattere speciale e derogatorio e il contenuto dell'avvertimento stesso deve risultare testualmente indicato nella norma stessa