Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > Giurisprudenza > Giurisprudenza Alte Corti > Indice Generale > Lavoro, Previdenza, Legislazione sociale

Lavoro, Previdenza, Legislazione sociale

Lavoro, Previdenza, Legislazione sociale

Potere del datore di controllare la prestazione – possibilità di esercitare direttamente tale potere – pedinamenti

Cass. civ., sez. lavoro, 16 luglio 2009 n. 16196 

(Pres. Roselli, est. Zappia)

Le norme poste dagli artt. 2 e 3 della legge 20 maggio 1970 n. 300, a tutela della libertà e dignità del lavoratore, delimitano la sfera di intervento di persone preposte dal datore di lavoro a difesa dei suoi interessi con specifiche attribuzioni nell'ambito dell'azienda (rispettivamente con poteri di polizia giudiziaria e di controllo della prestazione lavorativa) ma non escludono il potere dell'imprenditore ai sensi degli artt. 2086 e 2104 c.c., di controllare direttamente o mediante la propria organizzazione gerarchica o anche attraverso personale esterno - costituito in ipotesi da dipendenti di una agenzia investigativa - l'adempimento delle prestazioni lavorative e quindi di accertare mancanze specifiche dei dipendenti già commesse o in corso di esecuzione, e ciò indipendentemente dalle modalità del controllo, che può avvenire anche occultamente senza che vi ostino né il principio di correttezza e buona fede nell'esecuzione dei rapporti né il divieto di cui all'art. 4 della stessa legge n. 300 del 1970, riferito esclusivamente all'uso di apparecchiature per il controllo a distanza. (Fattispecie in cui la Corte ha esaminato un caso in cui il datore aveva effettuato personalmente controlli, anche mediante pedinamenti)

Versione Stampabile


 



Pagina 6 di 6
<< 1 2 3 4 5 6