Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > Giurisprudenza > Giurisprudenza Alte Corti > Indice Generale > Fatti illeciti

Fatti illeciti

Fatti Illeciti

Perdita del congiunto – Rapporto di coniugio tra marito e moglie – Morte del coniuge – Intervenuta separazione – Diritto al risarcimento del danno in favore del coniuge separato superstite – Sussiste - Condizioni

Cass. Civ., sez. III, sentenza 17 gennaio 2013 n. 1025

Il risarcimento del danno non patrimoniale sotto il profilo del pregiudizio morale può essere accordato ad un coniuge per la morte dell'altro anche se vi sia tra le parti uno stato di separazione personale, purché si accerti che l'altrui fatto illecito (nella specie il sinistro stradale causa del decesso) abbia provocato nel coniuge superstite quel dolore e quelle sofferenze morali che solitamente si accompagnano alla morte di una persona più o meno cara. Tuttavia, è necessario dimostrare che, nonostante la separazione, sussista ancora un vincolo affettivo particolarmente intenso, con la conseguenza che l'evento morte ha determinato un pregiudizio in capo al superstite. Per cui, anche se non vi era più un progetto di vita in comune, il precedente rapporto coniugale e la permanenza di un vincolo affettivo, rilevabili dalla presenza di un figlio, all'epoca minorenne, nato dall'unione e dal breve lasso di tempo intercorso dalla frattura della vita coniugale, legittimano la richiesta di risarcimento.