Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > Giurisprudenza > Giurisprudenza Alte Corti > Indice Generale > Famiglia

Famiglia

Famiglia

MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA - VERSO SOGGETTO DISABILE - CONDOTTE DI INDIFFERENZA E INCURIA - CONFIGURABILITÀ - SUSSISTE

Cass. Pen., sez. VI, sentenza 28 febbraio 2013 n. 9724 (Pres. De Roberto, rel. Paoloni)

Il reato di maltrattamenti in danno di una persona disabile è integrato non solo da fatti commissivi direttamente opprimenti la sua personalità, ma anche da condotte omissive di deliberata indifferenza e trascuratezza verso i suoi elementari bisogni affettivi ed esistenziali. (Nel caso di specie, si trattava di comportamenti posti in essere dalla “badante” di una persona totalmente inabile e portatrice di “sindrome di down”, con la stessa convivente ed affidata alla sua cura e vigilanza).