Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > Giurisprudenza > Giurisprudenza Alte Corti > Indice Generale > Adozione

Adozione

Adozione

Diritto alla vita privata e familiare – Legislazione italiana che vieta all'adottato di conoscere l'identità della madre biologica – Violazione art. 8 Cedu – sussiste

Corte Eur. Dir. dell'Uomo, sentenza 25 settembre 2012 (ric. 33783/2009)

Viola l’art. 8 CEDU, relativo al rispetto della vita privata e familiare, la legislazione italiana in materia di adozione nella parte in cui, nel tutelare il diritto della madre biologica (che abbia partorito in anonimato) di non veder rivelata la propria identità, non opera un corretto bilanciamento con il diritto del figlio naturale, adottato da altra famiglia, di conoscere le sue origini biologiche (La Corte ha ravvisato un bilanciamento non corretto nella circostanza che la legge italiana non consente né l’accesso a informazioni biologiche che non identifichino direttamente la madre, né la rimozione dell’anonimato con il consenso di questa).